GIAPPONE

Da qualche anno sto portando avanti una serie di progetti realizzati unicamente con iPhone. Questo progetto, cominciato nel 2016 e ancora in fase di realizzazione, è un lungo viaggio a tappe (l'ultima delle quali nel 2019), una sorta di diario intimo per raccontare le peculiarità ma anche i contrasti culturali di un paese così lontano dall'immaginario occidentale.

L'utilizzo di uno smartphone mi ha consentito, senza rinunciare alla qualità espressiva e narrativa, un approccio più ravvicinato con persone, situazioni e luoghi, dandomi la possibilità di cogliere con immediatezza e leggerezza lo spirito quotidiano di un popolo che vive il contrasto tra i propri aspetti culturali tradizionali e quelli estemamente moderni.

In evidenza

Fotografie

DIETRO LE QUINTE

Video intervista su miei lavori da Pakistan e dall'Africa

Giorgio Cosulich, photographer, photographic, fotografico, workshop, documentary, photography, fotografo

ADDIS, THE URBAN REVOLUTION

Cosa succede se un paese è costretto a subire una modernizzazione repentina che rischia di compromettere le basi culturali e gli aspetti tradizionali della propria storia?

_COS5287-04 luglio 2014.jpg

Addis Abeba da qualche anno sta subendo una vera e propria rivoluzione urbanistica e culturale. Questo progetto editoriale vuole mostrare lo scorrere della vita quotidiana di un popolo investito senza preavviso da un'ondata di rinnovamento che rischia di mettere a repentaglio l'identità culturale di un intero paese e indagare così sulle conseguenze generate da un progresso forzato.

Un libro di prossima uscita edito dalla casa editrice 14&15.

AFRICA EXPRESS

Un lungo viaggio a bordo di treni che quotidianamente corrono tra l'inizio e la fine di speranze individuali e collettive.

Africa_Express-32.jpg

Ho percorso più di 10.000 km di treno in Africa, attraverso giungle, deserti, pianure, montagne e fiumi, seguendo le rotte migratorie di un popolo in perpetuo movimento, che ogni giorno si muove alla ricerca del proprio destino, per raccontare una storia dagli stereotipi di un'Africa miserabile e sofferente ma che, al contrario, vuole mostrare il volto dell'uomo comune.

Queste immagini rappresentano una minima parte del lavoro svolto in anni di lavoro, durante i quali ho cercato di raccogliere le testimonianze di molti dei viaggiatori che lungo il cammino ho incontrato.

NEW YORK STORIES

Un diario per immagini degli anni di permanenza a New York

Img82.jpg

Mi sono trasferito a New York nel novembre 1995, praticamente un ragazzo, per inseguire un sogno e sentirtmi parte di quella grande città. Ho trascorso 5 anni a New York. All'inizio ho trovato impiego al PIER59 Studios come assistente fotografo di moda, poi col ho cominciato a lavorare come fotoreporter freelance collaborando con agenzie fotografiche e magazine americani. E' stato uno dei più intensi periodi della mia vita, alla ricerca e alla scoperta continua di fotografia spensierata e vissuta in modo romantico. È stato uno dei periodi belli della mia formazione professionale. Ho vissuto in perenne compagnia della mia macchina fotografica, una Nikon FE nera regalatami da mio padre ed un obiettivo grandangolare da 24 mm. Il mio unico interesse è stato di scattare fotografie per raccontare la vita della città durante le lunghissime camminate. Non importava cosa o dove, l'unica cosa che per me contava era seguire le mie emozioni, alimentando il mio desiderio continuo di nuove scoperte.

Video in evidenza